Siamo tutte inguaribili Yellow Girls.
tell a story day
Tempo liberoViaggi e turismo

Tell a Story Day: imparare a raccontarsi

Ogni vita merita un romanzo, questo è il titolo del libro di Erving Polster, e forse non c’è nulla di più vero.

Ognuno di noi, nella propria vita (scusate il gioco di parole), vive avventure e sentimenti degni dei protagonisti dei romanzi che tanto ci appassionano. Il problema principale, però, è che spesso ce ne dimentichiamo, ponendo scarso interesse a ciò che accade intorno a noi, liquidando quanto viviamo con un semplice “non è importante”. 

È qui che sbagliamo. Ogni persona ha un mondo di emozioni che dovrebbe imparare a vivere in maniera avvincente e coinvolgente proprio come se si trattasse di una storia epica, trasmettendolo anche a chi gli sta intorno. La vita è una, è giusto viverla a pieno, in maniera cosciente e presente. Quindi, quale miglior modo se non quello di celebrare questa ricorrenza?

Tell a Story Day: un’occasione per (ri)scoprirsi

Esatto, perché  il Tell a Story Day è nato proprio con l’intento di riportare in vita quelle atmosfere di convivialità e condivisione che si avevano quando storie e tradizioni erano tramandate solo oralmente, facendo sentire le persone più vicine e immedesimate nelle cose raccontate.

Cari eroi romantici del quotidiano, questo è il giorno che fa per noi!

Durante questa ricorrenza ognuno, dilettante o professionista, serio o ironico, può cimentarsi nel racconto. Che sia reale o inventato, l’importante è che venga trasmesso in maniera verbale, quindi sentitevi liberi di dare sfogo alla vostra fantasia e di far scoprire agli altri quelle doti nascoste che risiedono nell’artista che è in ognuno di noi.

Per festeggiare questo giorno potreste, per esempio, rispolverare qualche vecchio aneddoto e condividerlo con gli amici davanti una birra, oppure tirar fuori quella favola che tanto vi era piaciuta da bambini e regalarla ai vostri nipoti, insomma… date sfogo alla vostra fantasia e sciogliete la lingua!

Oggi tutti, logorroici compresi, sono autorizzati a raccontare e raccontarsi

Non si sa mai, poi, che non possa essere un’occasione in più per trovare l’ispirazione giusta per un progetto, l’idea geniale che aspettavate o, semplicemente, permettere a qualcuno che vi è vicino di conoscervi un po’ di più.

Fate un bel respiro e trovate il coraggio di iniziare il vostro “C’era una volta…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *