Siamo tutte inguaribili Yellow Girls.
dirty dancing 30 anni
Cinema

Film in giallo: 30 anni di Dirty Dancing

Saranno passati 30 anni dall’uscita nelle sale, ma Dirty Dancing è sempre là, nei nostri cuori e nei nostri sogni.

Ci sono pochi film che riescono ad ipnotizzare gli spettatori sullo schermo nonostante il tempo che passa. Ci sono poche pellicole che possono essere annoverate tra i veri cult del cinema. E come Dirty Dancing ce ne sono davvero pochi, anzi, nel suo genere è davvero unico.

Perché amiamo ancora Dirty Dancing

Sono passati ben 30 anni da quando Johnny e Baby si scatenavano sul dancefloor. Per qualche ragione Dirty Dancing non invecchia proprio, a prova del botox più potente. La pellicola sa rimanere originale, emozionante e brillante come quando uscì nell’agosto 1987.

Vogliamo parlare del numero di fan che, ancora oggi, può vantare? Per non citare tutte le frasi, le canzoni e le scene del film che non smettiamo di menzionare.

E ve lo dice una che avrà visto la pellicola una cinquantina di volte, che sa ripetere battuta su battuta e che, nonostante abbia il DVD non si perde nemmeno una replica in TV. Sono un po’ ossessionata? Meglio dire appossionata. Resta uno dei pochi film che non mi stancano mai, che mi emozionano ancora anche se so quello che accadrà scena dopo scena, anche se so come andrà a finire, anche se so che nessuno potrà mettere Baby in un angolo!

Ma quali sono le cose che ci hanno fatto perdere la testa?

1. I balli. Dimenticate la prima lezione di merengue che prende Baby (al limite del ciocco di legno), parliamo delle danze vere, quelle che scaldano lo schermo e gli spettatori. Dal mambo di apertura eseguito da Penny e Johnny alle lezioni private molto calienti che mister Castle dà all’ancora impedita Baby.

dirty dancing 02

2. La musica. Dirty Dancing vanta una colonna sonora perfetta. Brani che per sonorità, ritmo e musicalità percorrono quasi un ventennio e che rappresenta un elemento distintivo dell’intero film. Come dimenticare Hungry Eyes, She’s Like the Wind e I’ve The Time of My Life!

3. Le citazioni. Ci sono frasi che rimangono dei veri evergreen nell’intero panorama cinefilo mondiale. Avete presente “Nessuno può mettere Baby in un angolo?”, beh provate a contraddirmi?!

4. Il viaggio di Baby. Da un brutto e timido anatroccolo, nel giro di un’estate Frances “Baby” diventa una vera donna. Impara a ballare (per bene), si ribella ai dettami patermi e scopre l’altro sesso (e Johnny Castle). Lei è un po’ tutte noi, quella che invidiamo ma che al tempo stesso che supportiamo per il liete fine. Siamo così, eternamente complicate! Unico appunto: “ho portato un cocomero” non lo dovevi dire!!!

4. Un film per i bollenti spiriti. Prima ancora dei sexy medici in corsia alla Grey’s Anatomy o gli intrighi amorosi di Games of Throne, c’erano i film a far sognare gli spettatori e le spettatrici di tutto il mondo. Dirty Dancing è uno di quelli, se non il più hot in assoluto e senza scene di nudo scadente, ci basta il petto nudo di Johnny o un ballo in camera da letto per accendere ogni più recondita fantasia.

Dirty Dancing 03

5. Johnny Castle. Questo è probabilmente il motivo numero uno per tutte le ragazze (anno in più anno in meno) in giallo come me. Patrick Swayze è praticamente perfetto, giovane, gnocco, sensuale, un duro dal cuore d’oro e dal bacino snodato.

johnny castle02

Il classico eroe moderno pronto a tutto per la donna che ama e che si innamora della ragazza della porta accanto, rinunciando alla ricca milfona (anzi forse cougar)! Johnny Castle è, ancora oggi, l’uomo dei sogni, almeno i miei, quello che ogni donna vorrebbe, passionale ma dolce, premuroso ma che ti sa schiaffare sulla pista da ballo e rigirarti come un calzino. E poi vi ricordate la scena in cui si presenta al pubblico?

johnny castle 01

Alcune curiosità in giallo

  • Nonostante la perfezione del cast finale, originariamente furono vagliate altre opzioni per i ruoli principali. Per Johnny Castle si era pensato a Val Kilmer che, per fortuna e non ce ne voglia, rifiutò l’offerta. Mentre per il ruolo di Baby Housaman si erano rivolti a Sharon Stone e Sarah Jessica Parker.
  • Alcune scene sono state improvvisate e poi tenute perché legavano comunque con la narrazione cinematografica. Per esempio la scena in cui Patrick fa lezione a Jennifer e le sfiora il braccio tanto da farla scoppiare a ridere!
    dirty dancing anniversario
  • Il film è basato sulla vera esperienza della sceneggiatrice Eleonor Bergstein.
  • Nonostante non li dimostrasse, Jennifer Grey aveva 27 anni durante le riprese del film, 10 anni in più del suo personaggio.
  • L’ABC ha realizzato un remake del film, una miniserie televisiva in cui i protagonisti sono Abigail Breslin (Baby) e Colt Prattes (Johnny). Non sappiamo quando arriverà da noi, ma stay tuned!

Intanto gustiamoci la scena delle scene!

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *