Siamo tutte inguaribili Yellow Girls.
europei 2016 in france
Tempo liberoTendenzeViaggi e turismo

Europei 2016 tutto quello che le yellow girls devono sapere

Torna l’appuntamento estivo per eccellenza. Radunate gli amici, preparate le pizze e le birre, gli Europei 2016 sono alle porte. Per un mese intero sarà tutto focalizzato sul calcio, ma quanto ne sapete care yellow girls? Non preoccupatevi, ci pensiamo noi!

Manco poco, anzi pochissimo. Non parliamo dell’estate, che dovrebbe affrettarsi ad apparire una volta per tutte, parliamo dell’appuntamento calcistico della stagione, gli Europei 2016. Dal 10 giugno al 10 luglio, che tu voglia o no, le giornate saranno calcio-centriche. Se ne parlerà in tv, sui giornali, sui social network, perché farsi trovare impreparate? Altolà ai più classici siti di informazione sportiva, in redazione abbiamo voluto raccontare, a modo nostro, quest’evento ad alto tasso di testosterone. Impugniamo la penna gialla, per meglio dire la tastiera yellow, e ti sveliamo quello che dovresti sapere su questo campionato.

Europei 2016: yellow tips per non arrivare impreparata

Euro2016 sta già calamitando l’attenzione di media e social network. E tu, yellow girl sportiva, sei pronta per i 30 giorni del “condor”? Citazioni cinefile a parte, iniziamo questo percorso in giallo per renderti una vera esperta del campo.

Vive la France!

Questa quindicesima edizione avrà luogo nella terra della Torre Eiffel, della pasticceria internazionale e dei vini pregiati. Sono state introdotte varie novità rispetto alle competizioni degli anni passati. Prima di tutto le nazionali ammesse alla fase finale da 16 sono diventate 24, di conseguenza i gironi eliminatori sono 6 e non più 4. Le prime e seconde classificate di ogni girone accederanno agli scontri diretti insieme alle quattro migliori terze. Il vincitore di questi Europei parteciperà l’estate prossima alla Confederation Cup in Russia, il paese che ospiterà i mondiali nel 2018.

Gli stadi scelti

10 gli stadi scelti per ospitare le 51 partite in programma dal 10 giugno al 10 luglio:

  • Lo Stade de FranceSaint-Denis, campo dove gioca abitualmente la nazionale francese. Qui si terranno 4 partite della fase a gironi, una degli ottavi di finale, una dei quarti di finale e ancora più importante, la finale.
  • Lo Stadio Vélodrome di Marsiglia ospiterà 4 partite della fase a gironi, un quarto di finale e una semifinale. 
  • Il Parc Olympique lyonnais di Décines-Charpieu farà da palcoscenico a 4 partite della fase a gironi, un ottavo di finale e una semifinale.
  • Lo Stade Pierre-Mauroy a Villeneuve-d’Ascq sarà il campo da gioco di 4 partite della fase a gironi, un ottavo di finale e un quarto di finale. 
  • Il Parc des Princes a Parigi, del celebre Paris SG, sarà utilizzato per 4 partite della fase a gironi e un ottavo di finale. 
  • Lo Stade Bordeaux-Atlantique a Bordeaux ospiterà 4 partite della fase a gironi e un quarto di finale.
  • Lo Stadio Félix Bollaert a Lens lo vedremo in 3 partite della fase a gironi e un ottavo di finale.
  • L’Allianz Riviera di Nizza farà da cornice a 3 partite della fase a gironi e un ottavo di finale.
  • Lo Stade Geoffroy Guichard a Saint-Étienne sarà il palcoscenico per 3 partite della fase a gironi e un ottavo di finale.
  • Lo Stadium Municipal di Tolosa, infine, sarà il campo da “battaglia” per 3 partite della fase a gironi e un ottavo di finale.

La mascotte

super victor

Super Victor è stato presentato il 18 dicembre 2014 ed è l’erede di Peno, il galletto simbolo degli Europei francesi del 1984. La mascotte ha il volto di un bambino, il piccolo Victor appunto, che è figlio di un calciatore e vive in provincia. Diventa supereroe un po’ per caso, trovando ed indossando degli scarpini magici e un mantello rosso che gli permette di volare. Quello che rende questo personaggio un vero modello di riferimento, è la correttezza che Victor ha sempre avuto nei confronti di questo sport, ma soprattutto nella vita. Vedrete spesso Super Victor durante questi europei, anche sui social, dove commenterà in diretta portando con sé l’immancabile pallone ufficiale, “Beau Jeu”, il bel gioco made in France.

L’inno ufficiale

Siamo in Francia, l’inno non poteva essere che scritto da un francese. Un artista internazionale, amato da tanti e soprattutto ballato da tutti, David Guetta. Il dj francese più conosciuto al mondo ha realizzato la sigla di questi Europei 2016, affidandosi alla voce della bellissima e giovanissima cantante svedese Zara Larsson. This One’s For You” è il titolo dell’inno ufficiale degli Europei 2016, e siamo sicurissime che la sentiremo tutta l’estate, non solo sui campi da calcio. 

Il 9 giugno il dj terrà anche un concertone a Parigi per scaldare il pubblico alla vigilia del calcio di inizio. L’apertura della competizione sarà affidata ovviamente alla nazionale francese che scende in campo il 10 giugno alle 21.oo contro la Romania a Saint-Denis.

E le partite della nazionale italiana?

L’Italia del calcio avrà come campo base la città di MontPellier. Fa parte del girone E insieme a Belgio, Svezia ed Irlanda, tre squadre da non sottovalutare. Nella nazionale belga troviamo due calciatori “nostrani” come Radja Nainggolan (AS Roma) e Dries Mertens (Napoli). Per quanto riguarda la Svezia, basta fare un nome su tutti, Slatan Ibrahimovic per tremare un pochino. Tra le file dell’Eire nomi meno noti, se non fosse per il capitano un certo Robbie Keane, attaccante 1980, che è stato in Italia nell’Inter per una piccola parentesi del 2000, e che da dodici anni ha fatto suo il titolo di miglior marcatore di sempre della sua nazionale.

Il calendario dell’Italia è questo:

  • 13 giugno ore 21.00 a Lione, Belgio – Italia
  • 17 giugno ore 15.00 a Tolosa, Italia – Svezia
  • 22 giugno ore 21.00 a Lille, Italia – Irlanda.

Adesso ne sai davvero quasi quanto il tuo migliore amica appassionato di calcio. Sei pronta per il fischio d’inizio e per farti valere in mezzo a tutti gli sportivi. Se ci aggiungi anche un bel sorriso, non avrai rivali!

Forza yellow girl e forza azzurri!

This article has 1 comment

  1. Pingback: Euro2016: i più belli degli europei

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *